Lavoro

Come trovare lavoro in Australia

Il mercato del lavoro in Australia è molto diverso da quello italiano, e spesso per un immigrato o per un ragazzo con un vuisto WHV o student che cerchi qualche lavoretto sembra difficile comprenderne le peculiarità.

Iniziamo con il dire che l'esperienza è ritenuta fondamentale, così come i titoli di studio o di eventuali corsi professionali. Il problema è che entrambi questi requisiti sono ben considerati solo se ottenuti in Australia, ed è quindi spesso frustrante per un italiano con una buona esperienza lavorativa rendersi conto che qui non avrà alcun valore o quasi.



Il motivo, come è facile immaginare, è che per un'azienda australiana è impossibile verificare la veridicità delle referenze e dell'esperienza lavorativa in un altro paese, ed anche corsi professionali o titoli di studio spesso vanno adattati alle norme locali. Un avvocato ad esempio dovrà praticamente studiare tutto da capo prima di poter ottenere un titolo che gli consenta di lavorare in Australia, ed anche un elettricista avrà bisogno di ottenere una certificazione dopo aver frequentato un corso professionale specifico.

Ma lo scoglio principale è quello dell'esperienza, a meno che non si cerchi lavoro nel settore dell'ospitalità, dove un'esperienza in Italia è solitamente un bonus invece che un malus. Un sistema valido è spesso di frequentare un corso di studi e nel frattempo lavorare come apprendisti o stagisti in un'azienda del settore, maturando allo stesso tempo esperienza ed acquisendo un titolo spendibile; certo, è una strada costosa, ma iniziare con un visto studentesco che permette comunque di lavorare con alcuni limiti permetterà di vivere in Australia per un anno o due e nel frattempo imparare la cultura locale e la lingua, fattori preziosi in una successiva ricerca di lavoro.

Venendo agli aspetti pratici della ricerca di un lavoro, personalmente consiglio di non perdere tempo con i tradizionali siti di annunci specifici, come ad esempio Job, Seek o CareerOne, a meno che appunto non abbiate un titolo valido in Australia e possibilmente un'esperienza locale. Meglio contattare direttamente le azienda (usando il telefono e non l'email!), cercando di parlare con l'HR manager (Human Resources) e spiegando la propria situazione. Se vi chiederanno un curriculum, lasciate stare le bischerate con cui tutti infarciscono i curriculum in Italia: qui che abbiate "predisposizione ai contatti interpersonali" non frega nulla a nessuno, se non siete autistici la cosa viene data per scontata, limitatevi ai fatti aggiungendo invece i vostri interessi personali o gli sport praticati, che spesso dicono molto di una persona.

Un altro metodo valido è cercare gli annunci diretti nei quotidiani locali, che di solito sono inseriti da chi offre lavoro e non dalle agenzie. Alcuni quotidiani locali sono anche gratuiti e consegnati direttamente nella cassetta della posta o distribuiti in negozi e cafè; stessa cosa per siti come Gumtree.com.au, dove piccole aziende mettono spesso annunci diretti di ricerca personale.

Per il settore dell'hospitality, non c'è alternativa allo scarpinare: armatevi di una manciata di curriculum (fate controllare grammatica e spelling da un amico australiano), girate cafè e ristoranti della zona, chiedete di parlare con un manager e spiegate la vostra situazione. Poi richiamate dopo qualche giorno, o meglio tornateci di persona.

In bocca al lupo.

comments powered by Disqus
Consigli sull'Australia

Consigli ed informazioni personalizzate per chi intenda fare un viaggio in Australia, venire a studiare, trasferirsi con la propria famiglia o aprire una piccola attivitą.

CHIEDI INFORMAZIONI

Consulenza alle aziende che vogliono trasferirsi o esportare in Australia